3. La costante esposizione mediatica alla crisi rende i bambini insicuri

L'attuale situazione eccezionale è un peso per tutte le fasce d'età. A causa del costante consumo di mezzi di comunicazione, i bambini sono anche esposti a continui e angoscianti reportage e trasmissioni sul COVID-19. Le notizie quotidiane dei media tradizionali, sulle persone infette, sui morti e sulle situazioni mutevoli creano insicurezza e paura a cui difficilmente si può resistere. Nei media digitali, un flusso di notizie false, storie dell'orrore e mezze verità si diffonde anche attraverso WhatsApp, Instagram e YouTube. 
  • Aggiornatevi sull’andamento della situazione, tramite fonti affidabili e accreditate, solo 1-2 volte al giorno. 
  • Soprattutto in questi tempi, i bambini hanno bisogno di interlocutori affidabili per comprendere meglio questa situazione eccezionale: parlate con i vostri figli di quello che sentono e vedono nei media sul coronavirus. Date loro risposte adeguate all'età. Ecco un video sul corona virus spiegato da bambini ai loro coetanei.
  • Aiutate i vostri figli e figlie a riconoscere le notizie false. Qui trovate alcuni consigli

Per tornare indietro
Un’iniziativa del Forum Prevenzione e dell'Agenzia per la famiglia in collaborazione con 15 partner.
Home